Campagna Cobas contro il collaborazionismo

Si diffondono le prese di posizione dei lavoratori della scuola contro il collaborazionismo per tenere in piede la scuola-miseria, modello Gelmini-Tremonti-Brunetta. Clicca qui per vederne alcune. Giungono notizie in tal senso anche dalla Sicilia. Di seguito il comunicato dei docenti e delle docenti dell’ICS Sferracavallo di Palermo.

Il 9 settembre 2010, il collegio dell’ICS Sferracavallo di Palermo, date le intollerabili condizioni in cui versa il nostro Istituto (tagli agli organici dei docenti, anche di sostegno, e del personale ATA, tagli ai fondi ordinari, condizioni strutturali precarie di tutti i quattro plessi della scuola) e dato lo stato di degrado in cui viene abbandonata la scuola pubblica italiana nel suo complesso e come forma di solidarietà nei confronti delle migliaia di docenti precari che hanno contribuito, fino ai recenti provvedimenti governativi e ministeriali, al pieno e corretto funzionamento della scuola pubblica italiana, HA DELIBERATO per il presente a.s. DI NON EFFETTUARE NESSUNA ATTIVITÀ AGGIUNTIVA  relativa al Fondo di Istituto, nonché qualsiasi altra attività che esula dagli obblighi della funzione docente, incluse visite, viaggi di istruzione, attività sportive e altro.

Il collegio si è impegnato a fare partecipe di questa decisione le famiglie, invitandole a unirsi alla comune battaglia per la salvaguardia della scuola pubblica e delle opportunità culturali e formative garantite dalla Costituzione a tutti/e i/le cittadini/e.

Anche il personale ATA ha preso analoga decisione.

Ci auguriamo che queste e altre forme di protesta vengano adottate da tutte le altre scuole del territorio e del Paese, per ridare dignità alle agenzie educative pubbliche ed il lavoro a migliaia di famiglie che in questo campo hanno investito  formazione, competenze e impegno.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: