TRASPARENZA SUL PREMIO AI DOCENTI “MERITEVOLI”

Da molte istituzioni scolastiche arrivano notizie secondo cui i Dirigenti scolastici si stanno rifiutando di pubblicare in modo integrale i dati relativi alla distribuzione del bonus previsto dalla legge n. 107/2015.

In genere, i DS invocano il Codice sulla protezione dei dati personali, facendo riferimento all’art. 19, comma 3, del d.lgs. n. 196/2003, per il quale “la comunicazione … e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento”, dando per scontato che questa norma non ci sia.

In realtà, la fattispecie è normata in modo più generale dal comma 1 dello stesso art. 19: “il trattamento da parte di un soggetto pubblico riguardante dati diversi da quelli sensibili e giudiziari è consentito, fermo restando quanto previsto dall’articolo 18, comma 2 [“qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali”] anche in mancanza di una norma di legge o di regolamento che lo preveda espressamente. E per “trattamento” – l’art. 4, comma 1 lett. a) – prevede anche la “comunicazione .. e la diffusione … di dati”. Fermo restando che per essere una normativa che dovrebbe ispirarsi alla ricerca di un equilibrio tra tutela della privacy ed esigenza di trasparenza, il codice non brilla per chiarezza, è sicuramente plausibile affermare che per lo meno per la comunicazione e la diffusione di dati relativi al bonus all’interno dell’istituzione scolastica non vi è bisogno di un’espressa previsione normativa.

Ma anche ammesso e non concesso che sia valida l’interpretazione data da alcuni DS, in realtà esistono delle norme che prevedono l’obbligo di comunicazione e diffusione dei dati relativi al “premio”. In primis, l’art. 18, comma 1 del d.lgs n. 33/2013 come modificato dalla riforma Madia: “Obblighi di pubblicazione dei dati relativi agli incarichi conferiti ai dipendenti pubblici –(….) le pubbliche amministrazioni pubblicano l’elenco degli incarichi conferiti o autorizzati a ciascuno dei propri dipendenti, con l’indicazione della durata e del compenso spettante per ogni incarico Nella voce “compensi” va ricompresa anche il bonus per la valorizzazione del merito, che è qualificato dal comma 128 dell’art. 1 della legge 107 come retribuzione accessoria”. Quindi, vanno pubblicati i compensi – con destinatari e importi – degli incarichi che sono stati oggetto di valutazione e, quindi, di retribuzione.

Inoltre, nell’art. 20 dello stesso decreto vi è una norma ancora più specifica: “Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi all’ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e l’ammontare dei premi effettivamente distribuiti. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i criteri definiti nei sistemi di misurazione e valutazione della performance per l’assegnazione del trattamento accessorio e i dati relativi alla sua distribuzione, in forma aggregata, al fine di dare conto del livello di selettività utilizzato nella distribuzione dei premi e degli incentivi, nonché i dati relativi al grado di differenziazione nell’utilizzo della premialità sia per i dirigenti sia per i dipendenti”.

Quindi, dal combinato disposto delle norme citate risulta obbligatorio pubblicare con accesso riservato alla sola componente docente: i nominativi dei destinatari del bonus con le relative attività; gli importi del bonus almeno per ogni voce – attività oggetto del bonus stesso; l’ammontare complessivo dei premi stanziati e di quelli distribuiti; il livello di selettività (per es. quanti sono gli inclusi e quanti gli esclusi; se sono state usate delle fasce di retribuzione, quanta parte delle somme va alle varie fasce); il grado di differenziazione (per es. quale percentuale delle somme distribuite va ad una determinata percentuale di docenti).

Ma, al di là della querelle giuridiche, perché alcuni Dirigenti e – sembra lo stesso MIUR- temono il rispetto di un elementare principio di trasparenza (e di normale buon senso) concernente l’utilizzo di denaro pubblico? Forse temono ancora una qualche forma di ribellione di fronte ad un istituto che strutturalmente tende a scatenare la competizione individuale tra i docenti e a distruggere quel poco di collegialità e di spirito comunitario che sono rimasti nella nostra scuola pubblica? Così facendo entrano in contraddizione con lo spirito della l. 107, che stando a Renzi and company punterebbe a migliorare la qualità della scuola mediante la competizione individuale, per cui un docente non premiato – o premiato meno di altri- dovrebbe tendere a raggiungere e superare i bravi e i super bravi . Ma come si fa a raggiungere e scavalcare i bravi e i super bravi se non si sa neanche chi sono e quanto sono stati premiati?!

(è stata inviata a tutte le scuole una specifica comunicazione in merito)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: